I\’m not here to save you

La gente è il più grande spettacolo del mondo. E non si paga il biglietto. (C. H. Bukowski)

Mai avuto nulla

di personale contro Napoli, nessun campanilismo coi napoletani in genere (non ho mai urlato: “O Vesuvio, lavali col fuoco”, nemmeno qui => mi dissocio da ogni contenuto di quella pagina) e la loro musica tipica: mai considerata in nessuna maniera, insomma io l’ho sempre ignorata e lei ha ricambiato senza coinvolgermi. Tutto meravigliosamente perfetto fino a ieri sera, anzi era già notte fonda. M’abbarbicavo ad alcune abilità mnemoniche fragilissime per migliorare la confidenza con alcuni gelidi esercizi pseudo-psico-matematici.

M’aspettavo silenzio dalla strada e dai vicini, mi diedero Mario Merola.

Insopportabile, seppure a frastuono moderato, insopportabile. Sospettai quasi subito del mio vicino, appassionato ascoltatore di musica quantomeno orrenda. Quasi per caso, quasi per insonorizzare l’ambiente, quasi contemporaneamente, con uno zapping televisivo disperato, individuai le stesse onde sonore su un’emittente locale, c’era un film con Mario Merola ed un ancora acerbo Gigi D’Alessio. Maledetto vicino di casa. Vicino di casa appunto. Ovvero con le pareti adiacenti alle mie, ovvero, con l’antenna tv in terrazzo, piantata a fianco alla mia, nel nostro tramezzo comune… Sono salvo – pensai, poi la vendetta.

M’aspettavo silenzio dalla strada e dai vicini, lo imposi.

Annunci

4 commenti»

  mursie wrote @

attenzione stravoz. Hai iniziato a fornire indizi su di te.
Studi qualcosa prima di tutto, qualocsa che abbia a che fare con una pseudo-psico-matematica.
Hai fornito una collocazione spaziale alla tua persona, che avremmo potuto comodamente immaginare allocata in un anfratto virtuale del www , sospesa tra tutta quella roba lì di codici su sfondi neri.
Ci stai anche comunicando che possiedi una tv e che hai la capacità di fare zapping. Capperi.

  Dave Stravoz wrote @

Si, è vero, mi son sbilanciato parecchio. Lettrice discretamente attenta. In passato, però, credo d’aver fatto di più.
Potrebbero essere indizi, ma anche un lurido depistaggio. Una “red harring”… Chissà.
Quello che studio è altamente alienante, quel che mi spaventa è che non sempre me ne dispiace.

Ciao!

  AmaraMalaMela wrote @

..ma questi campani..

  Dave Stravoz wrote @

Oh, già…. Questi campani, queste campane stonate….
Ciao!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: