I\’m not here to save you

La gente è il più grande spettacolo del mondo. E non si paga il biglietto. (C. H. Bukowski)

Archivio per maggio, 2008

Ricordo di non

aver mai abbracciato desideri che accarezzassero il bisogno di scrutare, fissare, subire il fascino dalla genuina ingenuità che talvolta per strada, sulla tua strada, s’insinua ed invade le narici, come un meraviglioso odore che non vuoi nemmeno apprezzare per paura che sia troppo buono.

Deciditi, coglione, di respirare a pieni polmoni.

Sono sorpreso

per quanto, oggi, mi sia mancata. In un frammento improvviso dei raggi dell’ultimo pomeriggio, mentre legavi i capelli. Mi sei mancata. Dopo anni, per la prima volta. Quel gesto ed uno sguardo. Mi sei mancata. Un tempo, forse, ci saremmo salutati, oggi no. T’avrei detto qualcosa o una nuova fesseria, almeno.

Non ho mai immaginato che i sentimenti fossero liquidi, che si potessero inscatolare, barattare, scambiare, tappare, incanalare, versare e travasare tanto facilmente, ma che ne so. Non lo credevi nemmeno tu, eppure, nello stesso istante, hai saputo, in un istante!, sorprendere il passante indifferente che ormai sono. Stammi più distante, sempre di più, e non legare i capelli quando qualcuno ti passa accanto.

Pink Floyd – The Great Gig In The Sky

“And I am not frightened of dying, any time will do, I
don’t mind. Why should I be frightened of dying?
There’s no reason for it, you’ve gotta go sometime.
If you can hear this whispering you are dying.
I never said I was frightened of dying.”

Meglio di una passante, o no?

Trafitti

dalla vita, scaracchiati
in un odio che dirompe e deprime,
reclusi in un carcere angusto, murati
vivi. Niente ti scarcera e nessuno.

(E. Cioran)

Aveva voglia

di raccontare qualcosa, una storia del tipo non era lì lei, lui neppure, non oggi e ieri nemmeno. Una storia d’impatto era sempre pronta, ma era assonnato, stanco, deluso e svogliato, tanto da non voler raccontare nulla, era già pronta!, e così dispose. Sapeva di perdere un buona scrittura, ma ignorando, forse dimenticando tutto decise di andarsi a coricare. Buonanotte.